Crea sito

Archive for giugno, 2008

Holidays

Mi sono appena affacciata alla blogosfera e già vi devo lasciare. Ho atteso abbastanza trepidamente questa settimana di vacanze, quindi ora che finalmente è arrivata cercherò di godermela fino in fondo.

Destinazione Francia: Normandia e Bretagna. Ho 2 punti fermi che voglio vedere da tempo: Omaha Beach (la spiaggia del D-Day) e Mont Saint Michel.

Il mio francese è arrugginito come non mai dopo 20 anni che non lo parlo più e ciò mi preoccupa un bel pò. Quasi quasi mi sovvengono ricordi della mia profe di lingua e del suo basco sempre in testa, a sentire gli strafalcioni che mi escono ora direbbe "ZUT! Quelle débacle".

Al mio ritorno vi racconterò.

A presto

Methods 2

Humf… per un attimo mi ero pure illusa che cotale libro potesse risultare la panacea di tutti i mali, invece, come al solito, gli americani ci vendono l’acqua calda come se fosse una novità o una scoperta ultraterrena.

Il decalogo linkato al post precedente dovrebbe istruirci su come fare per liberarci o almeno diminuire la % degli stronzi sul posto di lavoro, ma non dice nulla di nuovo, nulla di più di quanto noi tutti abbiamo già tentato più o meno invano di fare. Perchè… diciamocela tutta: è un mondo difficile e quando si ha a che fare con dei veri stronzi, arroganti, boriosi ed incompetenti… è veramente uno scontro tra titani!

L’unico modo di farli scomparire sarebbe quello di tirare la catenella del cesso.

Come dite? Sono scurrile? Beh, aspettate di leggere qualche mia avventura lavorativa e poi ne discuteremo.

Methods

Stasera digitando Splinder su Google tra le prime 5 voci di ricerca ce n’era una che portava al blog del Metodo Antistronzi.

La cosa mi ha incuriosito, il libro originale è "The No Asshole Rule" di Robert I. Sutton, sembra sia partito in sordina, ma che ora stia spopolando.

Sarà forse che da noi siamo pieni di stronzi nei posti di lavoro?

Decisamente serve maggiore documentazione al riguardo. Magari vi farò sapere.

Notte

About me

Al secondo post ho quasi un blocco dello scrittore, quindi vi annoierò un pò parlandovi di me; in realtà non c’è forse molto da dire.

Sono nata nel 1970, sono un ariete con gli esatti pregi e difetti sempre descritti in qualsiasi oroscopo-pergamena regalo, ma proprio tutti. Sono una dichiarata pessimista, mi dispiace ma non ce la posso fare, non ho nulla contro gli ottimisti, basta che non mi rompano le scatole; ci ho provato ad esserlo, ma quando mi sono azzardata a farlo il destino me lo ha messo in quel posto.

Non è che viva la vita giorno per giorno, però sono allergica ai progetti a lungo termine, o meglio a fare dichiarazioni su progetti a lungo termine: non mi piace dichiarare con mesi di anticipo dove andrò in vacanza, nè progetti seri di vita privata, mi piace dire le cose quando sono sicura al 1000%.

In compagnia non brillo per la chiacchera, specie quando non conosco bene tutti, però con un buon anfitrione divento anche io parte attiva della serata; il fatto è che mi piace ascoltare più che parlare, ascoltare mi aiuta a capire le persone.

Mi piace stare con gli amici, mi piace mangiare bene e bere bene in compagnia, mi piace viaggiare (e a chi non piace??).

Sono meno prevedibile di quello che vi immaginate però, perchè il mio carattere fa sì che io sia una tanica di benzina sempre vicina ad uno zippo, ho un’anima rockettara springsteeniana (non mi trascinerete mai mai mai ad un concerto di Baglioni!!), al volante subisco una trasformazione tipo "Fast & Furious".

Sono tante cose insieme, di cui non riesco ad arrivarne a capo nemmeno io di tutte.

Ed ora basta… to be continued

Trinity begins…

Finalmente mi sono decisa, entro anche io da oggi attivamente nella blogosfera e, nonostante il mio avatar, devo ammettere che sono un pò titubante.

Inoltre mi sa che ho già combinato qualche casino, mi sa che dovevo chiamarlo Cimabue questo blog!

Vabbè, ormai la frittata è fatta… vogliate gradire questo inchino da debuttante o voi che leggete.