Crea sito

Archive for agosto, 2008

Salamelecchi

Come da previsioni (chiamatemi Sibilla) tutti i capi, capini, capetti (mancavano solo i sotto-pancia) stamattina si sono precipitati nell’ufficio del dirigente a porgere i saluti di turno e a scambiare le solite chiacchere di bentornato. I capini e i capetti hanno sghignazzato tra loro raccontandosi le avventure sotto l’ombrellone e gonfiando le loro "gnocca’s stories", i capi hanno salutato diligentemente le maestranze con ampi sorrisi sincerandosi che il periodo di ferie fosse trascorso all’insegna del "Tutto Bene?" (sì sì bàne bàne).
Siccome la mia scrivania gode di vista su una saletta riunioni (ahimè però l’acustica è pessima), oggi pomeriggio ho ampiamente goduto della prima riunione di tutto lo staff che conta. Devo dire che c’erano espressioni veramente veramente intelligenti ed argute, nonchè attente ed interessate… peccato che dalla porta uscisse chiaramente un’autostrada di neuroni e che nella saletta fosse rimasta la solita particella di sodio… C’E’ QUALCUNOOOOO???

MY JOB


Allora, nell’immagine che vedete io sono tra quelli in basso, sul primo piolo.
Lavoro per un’importante azienda metalmeccanica, che nel suo settore è anche una nota multinazionale. La struttura della casamadre emiliana è quella comune a tutte quante le aziende del genere: una bella piramide ibrida, con il corpo da piramide maya, per via dei tanti gradini scivolosi, e la punta da piramide egizia, perché a capo di tutta la baracca c’è un padrone solo, il mitico Direttore Generale Galattico… quindi sì, una struttura alla Fantozzi!

Potrei utilizzare anche un esempio di struttura feudale dove l’Imperatore è ovviamente il padrone, i Vassalli sono i suoi dirigenti di serie A, i Valvassori sono i dirigenti di serie B, i Valvassini sono i capi reparto, i Contadini liberi sono gli impiegati e i Servi della Gleba gli operai dell’officina. Ogni direzione aziendale è paragonabile in tutto e per tutto ad un Feudo. Io sono tra i contadini liberi (hahahahaha questa mi fa già ridere), sono quindi una fine artista della cesellazione di zolle (vulgaris “zappare”), una professionista del badile, una giardiniera con rastrello e forcone. L’unica cosa che mi differenzia da Fantozzi è che io non sono ragioniera (nonostante gli studi da perito aziendale), nemmeno lavoro in un reparto amministrativo (grazie al cielo), ma in un reparto tecnico.
Il feudo in cui vivo e lavoro per 8 ore al giorno, 5 giorni la settimana, per circa 47 settimane all’anno, ha cambiato vassallo proprio quest’anno, dopo la prosperità e la ricchezza, la stima e la devozione al precedente vassallo regnante, ora ci si aspetta solo un progressivo ma inesorabile impoverimento: niente ricchezza, col cacchio che il vassallo attuale ti molli qualcosa in busta paga o che ti cambi di livello; poca prosperità, quella che ancora persiste è frutto di un lento volano della precedente gestione; poca stima per chi ti tratta al pari di una scimmietta e che richiede che tu ne abbia le stesse capacità fisico-mentali; poca devozione, sostituita da un forte “lecchinaggio” di alcuni valvassini che sperano di diventare valvassori nel giro di pochi anni.

Sono tornata al lavoro già da lunedì 18, mi sto godendo ancora l’ultimo giorno di ferie dopo le ferie ufficiali… sì perché il feudo è ancora scarsamente popolato, ci sono solo pochi contadini che fanno finta di lustrare gli arnesi (me compresa), ritoccano qualche aiuola prima che tornino i capi ed altre amenità del genere.
Lunedì prossimo ricomincia la rumba e anche il casino: telefoni che squillano, vociare incontrollato (siamo in un “open space”) nonché gente che strepita, qualche smartellamento in qua e in là, qualche botta di smeriglio, qualche buco fatto col trapano a colonna. In questi giorni di pace invece abbiamo tutti beneficiato della “sound of silence therapy” oppure dell’ancor meglio “iPod music therapy”. Nel mio sotto-feudo la presenza è al 75%, è molto alta, ma è giustificata dalle ragioni di cui sopra.

Ora però mi fermo un attimo, mi godo l’ultima mezza giornata di ferie (music therapy e cazzeggio selvaggio su internet). Ho tante cose da raccontare, aneddoti, caratterizzazioni dei personaggi, riflessioni lavorative personali; devo raccogliere le idee, devo affinare la scrittura, ma ormai il dado è tratto!

Ricchi e poveri

Riporto un articolo tratto da Tgcom del 18 agosto 2008:

Calcio-Scherma, ritorno polemico – Figc paga business, fiorettiste furiose
Piccolo caso diplomatico per i calciatori e le schermitrici sull’areo di ritorno da Pechino. Gli uomini di Casiraghi hanno viaggiato in business grazie alla Figc. Le fiorettiste, al contrario, sono state relegate dal Coni in economica e, ovviamente, hanno lamentato il differente trattamento. Raffaele Pagnozzi, capodelegazione dell’Italia, ha spiegato: "Se qualche federazione ha incrementato il budget non possiamo farci niente". "Il Coni – ha continuato il segretario generale dell’ente sportivo – ha pagato il biglietto aereo in classe economica, senza alcuna disparità. Per noi sono tutti uguali. La decisione della Figc di pagare la differenza per la classe business non ci riguarda".

 
Lo so che chi ha più soldi di un altro li spende come vuole, è normale me ne rendo conto. So anche che un volo Pechino-Italia (o diretto se esiste o con scali tecnici chissàdove) dura un bel po’ di ore e se si può usufruire di confort è meglio, quindi dovrei dire che la Figc ha fatto bene a mettere i calciatori in business.
Invece la cosa mi fa incazzare come una iena perché:
1- ribadisce ed evidenzia continuamente quanto in Italia il calcio sia sopravvalutato e superfinanziato rispetto a TUTTI gli altri sport,
2- è un modo di premiare e privilegiare degli atleti che assolutamente non se lo meritano, che avrebbero dovuto fare il viaggio insieme a tutti gli altri per un semplice "spirito di gruppo", invece di fare i fighi in business.

Dammi 3 parole

RABBIA
Sì, ho proprio le palle girate a forza di continuare a sentire che il PIL è basso, i consumi stagnano, la crescita del paese è ferma, etc etc. Ma cos’hanno nella testa i giornalisti? Le pigne??? Perché non la smettono con queste cazzate? Come se la colpa fosse dei consumatori… ma non si vergognano?
Tranqui! Ora c’è Mr. Prezzi, ci pensa lui gente! Ma che cazzo ci sta a fare se continua solo a ribadirci cose che sappiamo già? Chiunque vada quotidianamente a fare spesa non ha bisogno che Mr. Prezzi gli dica che ci sono delle inequità, dei rincari ingiustificati. Mr. Prezzi dovrebbe dire: “gentili commercianti, o vi adeguate alle tasche dei consumatori, oppure vi facciamo pagare delle penalità”. E ancora: “gentili produttori di petrolio… ehm ehm… è ora di abbassare i prezzi, che il petrolio è calato, basta penalizzare i consumatori”.
Invece non sento dire nulla di tutto ciò, sento solo le solite notizie che mi ingastriscono pure durante le ferie.

PERPLESSITA’
Alcuni esponenti del governo di maggioranza accusano di “cripto comunismo” i giornalisti di Famiglia Cristiana. Questa cosa mi ha fatto ridere (per non piangere) e ha definitivamente sancito il fatto che il ns governo non solo è alla frutta, ma pure all’ammazzacaffè! Certo che dare dei comunisti ai preti… ci vuole fantasia, coraggio e demenza insieme.
Aggiungerei inoltre che il senatùr, proprio lui l’Umberto, ha detto oggi che bisogna ripristinare l’ICI per dare indipendenza fiscale ai Comuni. Ah sì sì, li voglio proprio vedere a fine anno tutti gli italiani che in giugno NON hanno pagato l’ICI, discutere con il commercialista sul conguaglio finale (ovvero sul pagare l’imposta per intero).

GIOIA
Le uniche note positive sono le sudate medaglie olimpiche, guadagnate in sport che si sentono nominare solo ogni 4 anni e che evidentemente i ns giornalisti sportivi pensano che non meritino nemmeno un trafiletto in sede di campionati.
Un grazie di cuore a tutti questi atleti che costantemente si allenano e che con la loro passione superano anche difficoltà economiche, come la mancanza di sponsor e finanziatori.
Ringrazio anche la squadra di calcio italiana, che dopo un girone vergognoso, l’ultima partita col Camerun (notare bene col Camerun) pareggiata dopo aver fatto vomitare passeggiando avanti ed indietro per il campo (evitando così a tavolino di scontrarsi col Brasile), oggi è stata cacciata fuori dalle Olimpiadi dal Belgio! Vi ringrazio perché avete dimostrato che il ns calcio è sempre a pancia piena, quindi lo sforzo e l’impegno sono ai minimi termini.

The Dark Knight

Batman è da sempre il mio supereroe preferito, perchè è dark, perchè è da sempre un cavaliere oscuro e non potrà mai strapparsi la maschera come Spiderman, perchè non ha superpoteri, ma ha degli aggeggi supertech che 007 neanche si sogna!!
Joker è la nemesi di Batman. L’interpretazione di Ledger surclassa quella di Bale e di qualsiasi altro nel cast; Joker non è la macchietta pazza e fumettistica che ne fece Nicholson, è un vero psicopatico moderno, totalmente amorale e proprio per questo terrificante.
E’ sicuramente un film che vale la pena di vedere, anche per chi non ama il genere.

HELLBOY II

HELLBOY II – The Golden Army, ovvero la seconda avventura del diavolo rosso, agente segreto del B.P.R.D. (Bureau for Paranormal Research e Defense) insieme a Liz ed Abe.
La vita di Red è difficile, diviso tra il desiderio di essere considerato "normale" tra gli esseri umani e la necessità di operare in segreto per non turbarli, perchè gli umani non sono e non saranno mai pronti ad accettare i diversi, i freaks.
Siamo in pieno fantasy: le creature mitologiche si ribellano contro l’antico patto di tregua stipulato con gli umani, il loro principe Nuada tenta di ricomporre la corona che gli permetterà di comandare la Golden Army, ovvero un’armata invincibile che porterebbe solo morte e distruzione se venisse riattivata.
Ho trovato molto buffi e godibili i tormenti umani del nostro Red quando tenta di spiegare ad Abe, innamorato della sorella di Nuada, quanto siano complicate le donne.
Chissà… ho idea che ci sarà anche un episodio 3.

Pessimismo e Fastidio

Oggi è l’ultimo giorno di lavoro prima della chiusura estiva della mia azienda. Il morale dovrebbe essere alto, dovrei ormai contare le ore ed i minuti che mi separano dal riposo, dovrei trovare un’occupazione lavorativa-amena che impegni questo mio tempo, tipo: archiviare pratiche, impilare meticolosamente altre pratiche, pulire il piano della scrivania, insomma riordinare un po’ tutto facendo finta di lavorare. Invece non ne ho voglia, invece faccio i cazzi miei sul blog, invece vorrei essere dovunque fuorché qui dentro, la misura è colma e sta pure straripando… quindi ecco spiegato il Fastidio!

E il Pessimismo? Quello nasce dalla certezza che questi 10 giorni passeranno in un lampo e che mi ritroverò ancora qui a rivedere le stesse facce, gli stessi idioti presuntuosi e saccenti.
Sono anche pessimista sul fatto di poter mantenere le promesse fatte a me stessa relative a lavorini e ciappini, ormai a lungo rimandati con la scusa "sì sì lo farò durante le ferie". Durante le ferie si ha bisogno innanzitutto di brevi periodi sabbatici, di ozio, di polleggio, di dolce far niente, di immobilità, di cazzeggio e poi di sonno, molto sonno!
Il fisico recupera con il sonno, si rigenera, si rinnova, e poi fa bene ogni tanto togliersi dalla mischia, starsene un po’ a casa propria, a godersela sta casa che con tutti i sacrifici che si fanno per averla, poi spesso la si usa solo come dormitorio (tanto varrebbe comprarsi un bel camper allora!).
Coraggio Trinity alle 17.35 potrai uscire da questa baracca.

MAC VS PC

Ieri sera ho cazzeggiato tra i vari blog e sono arrivata fino a questo blog, dove ho visto un filmato favoloso che mi ha fatto morire dal ridere (ad orari assurdi, colpa del caldo). Oggi avevo ancora il sorriso sulle labbra (a volte mi basta poco) e così ho deciso di postarlo pure io quel video, sarà che sono Apple addicted, sarà che lavoro su pc e a casa ho un iMac (e spero presto un altro nuovo iMac), sarà che alcune delle gag sono fantastiche, eccolo:

Simon's cat

Come si può vedere in questo buffo video, bisogna proprio inventarsi di tutto per distrarre il padrone dal guardare il calcio in tv:

 

Chimera o balla colossale?

Non è un post originale, ma non resisto, devo inserire anche io la news della strana creatura avvistata su una spiaggia di Long Island (New York), ormai definita da tutti come il mostro di Montauk.
Trattasi forse di una chimera mal riuscita, frutto di ingegneria genetica di qualche incauto scienziato che ha giochicchiato a fare Dio Onnipotente, oppure di un semplice scherzo di qualche buontempone che si diletta con Photoshop?
Sarà quel Dio vuole, in ogni caso mi sovvengono 2 riflessioni: la prima, più importante, è che purtroppo nel mondo ancora inesplorato della genetica, molti manipolano geni a fin di bene, salvo poi essere manipolati loro stessi ed il frutto delle loro ricerche (le regole in questo campo sono ancora da Far West); la seconda, molto più amena, è il ricordo del film Mission Impossible II, dove il nostro eroe Ethan Hunt deve rubare un virus (chimera) ed il suo antivirus (bellerofonte) al cattivo di turno.