Crea sito

Archive for gennaio, 2009

SACCONI

Sacconi… sai che a dirla veramente tutta come deve essere detta… mi hai proprio rotto i coglioni!
Non sei Dio, non sei il Papa, sei un ministro di uno stato laico… LAICO capito?
E’ già stata emessa una sentenza… rassegnati, non rompere le balle, non sarà questo tuo accanimento su Luana a farti aprire le porte da San Pietro quando sarà ora, sarà ben altra umanità che dovrai dimostrare.
E smettila di fare il mafioso di turno, sì perchè TU, con queste tue intimidazioni alle strutture sanitare, sei molto peggio dei mafiosi che bussano di azienda in azienda a chiedere il pizzo, oltretutto lo fai pure dichiarandolo ai giornali e alle televisioni.
Che in Italia la giustizia sia già in fondo al baratro lo si vede da atti come i tuoi, perpetrati da funzionari dello Stato come te a danno dei cittadini.
LA LEGGE VA RISPETTATA, VEDI DI RISPETTARLA PURE TU!!!

Grazie On. Fini

Ogni tanto, purtroppo raramente, qualche nostro politico si risveglia dal torpore, qualche neurone fa scintille e così ricorda il compito istituzionale per il quale i cittadini lo hanno eletto alle urne e del quale dovrebbe avere il più alto rispetto, nonchè onore.
Leggo con piacere in questo articolo che l’Onorevole Gianfranco Fini non è sempre figura passiva rispetto al Cavalier Berlusca, infatti ha giustamente mostrato perplessità riguardo l’obbligo del voto di fiducia sul decreto anti-crisi voluto dal governo.

E ciò mi puzza… perchè se nessuno vuole la crisi pare ovvio che tutti avrebbero dovuto essere d’accordo nel votarlo unanimemente questo decreto, invece sono corsi ai ripari prima del tempo, prima che il Parlamento potesse almeno discuterne apertamente, prima che qualcuno obiettasse qualcosa… perchè forse qualcosa da obiettare c’era, come in tutti i provvedimenti presi in fretta ed in furia, cavalcando l’onda di un’emozione (come fu per la degenerata e famigerata Legge Biagi -povero Prof. Biagi là che si rivolta nella tomba per come gli hanno stravolto le cose-) o l’urgenza del momento, ovvero questa nostra fottutissima crisi.

Comunque GRAZIE On. FINI, grazie per essersi ricordato di essere un politico ed in questo frangente un politico "senza colore", ma solo con il senso del dovere.

Striscia di Gaza

E’ molto curioso pensare che proprio nell’area del Mediterraneo dove visse e operò Gesù Cristo, gli uomini non facciano altro che combattere ed uccidersi da mattina a sera. Mi sa proprio che Dio è morto per nulla quel giorno.
Ho perso il conto delle notizie attraverso gli anni, so che ogni tanto ritornano parole come Palestina, Israele, Hamas, Al-Fatah e questa onnipresente Striscia di Gaza, che tutti vogliono, tutti si contendono, ma cos’avrà poi di così speciale? Perchè su questo sputo di terreno non riescono a vivere in pace? Perchè i conflitti religiosi sono sempre i più lunghi, i più sanguinosi, i più devastanti?
Mi viene da pensare a Mr. Mahmud Ahmadinejad, attuale Presidente dell’Iran, e alle sue centrifughe di uranio… lui è la stessa persona che vuole cancellare lo stato di Israele dalle cartine geografiche.
Penso anche ai paesi arabi confinanti perchè non ho ben capito che cosa stiano facendo in merito a questo conflitto, cosa ne pensino, come intendano fermarlo… perchè sempre noi europei dobbiamo partire lancia in resta a fare i pacificatori? Mi sa che questa è una questione araba che noi non potremo mai capire fino in fondo e quindi non potremo mai fermare del tutto.

Io farei scomparire cannoni ed aerei, mitra e lanciarazzi, farei tornare quelle persone all’epoca delle scimitarre, poi li radunerei tutti quanti in quella cazzo di striscia di terra puzzolente, recinterei il tutto e lo elettrificherei e poi…  che si sgozzino fino alla morte per la loro terra se vogliono, ma almeno si uccidano guardandosi in faccia, oppure che decidano di convivere in una qualche maniera, ma che decidano di farlo per sempre… qualsiasi cosa decidano!

CARPE DIEM

CARPE DIEM non è solo una frase latina riportata in auge anni fa dal famoso film L’Attimo Fuggente, carpe diem è vivere la vita al meglio ogni momento, perché in men che non si dica potrebbe essere l’ultimo.
Non servitevi però di questo invito per fare tutto quello che volete indiscriminatamente e a discapito del rispetto delle altrui libertà, perché non è questo il suo significato.
COGLI L’ATTIMO non vuol dire fai fesso il tuo prossimo, ma cogli l’attimo delle possibilità e delle occasioni che ti si presentano nella vita e vivila in modo attivo e non passivo.

365 giorni fa, esattamente di questi tempi, non sapevo come e quando, ma soprattutto SE il mio fidanzato Stewie sarebbe uscito vivo dal reparto di rianimazione.
Ciò che ai nostri occhi si era presentata come una forte bronchite, in realtà era una tromboembolia polmonare bilaterale massiva… 4 paroloni da far paura e in sintesi significano che entrambi i polmoni sono pesantemente ostruiti da emboli, grumi di sangue; questo crea innanzitutto un rischio d’infarto visto che il cuore continua a pompare verso polmoni chiusi, in secondo luogo se gli emboli permangono nelle cavità polmonari ne degradano i tessuti inducendo una specie di necrosi e ovviamente ne compromettono la funzionalità.

Tutto questo è accaduto di punto in bianco a cavallo dei giorni 30-31 dic. 2007, con apice il 1 gen. 2008 e proseguito fino al 13 gen. 2008. Quando si dice anno bisesto anno funesto… mai deridere i vecchi detti popolari!

Ho vissuto quei giorni costantemente con il cellulare acceso, pregando sempre di non essere chiamata dall’ospedale, ho cercato di informare e rincuorare amici e poi ho cominciato ad odiare il telefono, non volevo più parlare, non volevo più rispondere a domande, così ho inventato il bollettino medico via sms. So che anche gli amici erano preoccupati, ma io non avevo molte forze per starli ad ascoltare, dovevo risparmiarle per me. Li ringrazio tutti lo stesso per il loro calore, il loro interesse e la loro vicinanza.
Sono stati giorni particolari, che non riesco a descrivere accuratamente, ho un ricordo vago di me stessa vagante per casa in stato quasi catatonico, tutto intorno a me era nebbioso e sfocato, confusa e ovattata non riuscivo a capire bene che cosa era successo e perché, vivevo e mi interessavano solo quei 10 minuti pomeridiani, perchè quando andavo da Stewie lo trovavo sveglio e sorridente, in netto contrasto con quel che accadeva dentro al suo corpo.

Anche adesso quando ci ripenso ho un senso di vertigine, anzi tutti e due ci abbiamo ripensato quest’anno mentre brindavamo allegramente alla mezzanotte del 31-12-2008, poi ci siamo buttati in pista a ballare, cercando di rubare un po’ di posto agli anzianotti scatenati e scanzonati e guardando un po’ con compatimento i nostri giovani coetanei ingessati a tavola che non si volevano scomporre.

CARPE DIEM ;-DDD e amate la vita !!!