Crea sito

Archive for settembre, 2009

BIRRA (e sai cosa bevi!)

Ovvero BACK FROM OKTOBERFEST!!!

Dopo averla vissuta credo proprio che sia una festa a cui vale la pena di partecipare almeno 1 volta nella propria vita. L’opzione migliore è noleggiare un camper e parcheggiarlo nell’attrezzatissima area "MESSE/ICM" e da lì spostarsi sempre in metropolitana verso Theresenwiese, la fermata della festa.


Oktoberfest = una vasta area con gli stand delle 6 birre storiche di Monaco: Paulaner, Spaten, Hofbräu, Hacker-Pschorr, Augustiner e Löwenbräu, più tutta la zona del luna park.
Gli stand aprono presto la mattina e chiudono verso le 22.30 – 23.00 max, il casino regna sovrano fuori e dentro essi, ma è una baldoria gioiosa e soprattutto, al primo accenno di molestie o risse fuori luogo, le guardie di sicurezza e la polizia intervengono sempre molto velocemente.


I nostri connazionali si riconoscono in fretta… facciamo sempre più baccano degli altri e non abbiamo molta fantasia nei ritornelli, i nostri leit-motiv sono:

1- ò lèlèlè ò làlàlà… faccela vedè, faccela etc etc

2- po po po po po poo, che ormai ci portiamo dietro da non ricordo quale mondiale calcistico

3- fratelli d’italia, incredibile ma vero, urliamo a squarciagola pure il nostro inno, alla faccia di Bossi che vorrebbe introdurre il "Và Pensiero" (decisamente no… il va pensiero non sarebbe adeguato in birreria).

Quindi, capannoni stracolmi di gente che beve litri su litri di birra mangiando stinco e crauti, pollo, bretzel (che adoro) e gli immancabili wurstel; orchestrine che suonano imperterrite motivetti e ogni 2-3 canzonette si fermano per suonare quello che potremmo definire l’INNO per eccellenza della festa, ovvero:

Ein Prosit, ein Prosit, der Gemuetlichkeit,
Ein Prosit, ein Prosit, der Gemuetlichkeit

A questo punto tutti in piedi, o sulle panche, boccale in mano e via con i brindisi!

OKTOBERFEST

A proposito… non me ne vogliate, ma evidentemente è un anno fatto così, sono in continuo movimento.
Domani mattina parto per l’Oktoberfest, viaggio organizzato a ridosso del matrimonio, in camper con una coppia di amici. Girerò per Monaco (città che adoro) e finalmente, dopo tanto spacciarmi per intenditrice ed amante della buona birra, andrò anche io alla Festa della Birra per eccellenza!
Immancabili stinco e crauti, mas da 1 litro (servito da signorine con braccia da scaricatore di porto) e spero tanti gadgets ;-P.
TCHUSS !!!  

FARO' TESORO…

Dopo il viaggio in Namibia farò sicuramente tesoro di alcune esperienze, ricorderò per sempre alcune cose che ho visto e che ho immediatamente confrontato e paragonato con la mia quotidianità:

1- sfatiamo il luogo molto comune (almeno da quanto leggo sui blog e ascolto in giro) che i bambini non possono affrontare viaggi di un certo tipo (come andare in Africa), che non possono viaggiare in aereo da neonati, che non possono stare sull’orlo di uno strapiombo senza che genitori isterici continuino ad urlare "vaiiiiiii viaaaaaa da lìììììììììì".

2- confermo purtroppo che solo in Italia (per quel che ho visitato finora), nonostante ci vantiamo di avere il bidet per lavare le nostre signorili chiappe, non abbiamo bagni pubblici degni di essere menzionati, al 99% delle volte non li abbiamo proprio, oppure sono localizzati talmente fuori mano che nemmeno con la bussola li troviamo… e quando li troviamo sono sempre accompagnati da puzze inimmaginabili, residui organici piazzati in qua e in là e mancanza cronica di carta igienica (e spesso queste situazioni si verificano anche nel bagno del bar più fighetto del centro città).

3- confermo inoltre che siamo tremendamente inquinati dalla luminosità: l’universo di stelle che ho ammirato nell’altro emisfero terrestre lo potremmo vedere anche noi, ogni sera, se solo spegnessimo più insegne luminose, più lampioni pubblici, più lampioncini privati, se solo razionassimo intelligentemente le risorse di cui sembriamo avere in abbondanza.

4- confermo che chi ha poco e non lo ha nemmeno spesso, tiene così tanto a quel poco che già di per sè gli sembra un tesoro enorme, quindi rispetta la proprietà altrui e non giustifica nè sopporta atti di sopruso verso beni della collettività.

5- confermo che i turisti non abitualmente viaggiatori, non riescono ad integrarsi con usi e costumi locali, non si integrano nei posti dove vanno, non mangiano le specialità del luogo, spesso brontolano ed immancabilmente si fanno notare rompendo i coglioni per incredibili boiate.

Questo e tanto altro da approfondire, alla prox! Baci a tutti

AGGIORNAMENTI

In questi ultimi mesi di silenzio mi sono dovuta concentrare su cose strettamente personali, ho frequentato solo come commentatrice di blog altrui e in sintesi:
1- ho finito il corso di Web & Flash Designer
2- ho dovuto fare un progetto come stage per tale corso
3- ho preparato il mio matrimonio e ho convolato a giuste nozze in tempo utile prima che l’età mi facesse arrivare a dire SI con dentiera e polydent
4- ho fatto un meraviglioso viaggio di nozze in Namibia
5-……… sopportavo e tutt’ora mal sopporto le cazzate del governo Berlusconi, anzi di Silvio stesso… ma questa è storia vecchia.

Spero presto di poter dedicare post adeguati a tutte queste cose e di mantenere una promessa fatta ad un amico blogger (Medicineman) sulla recensione di alcuni suoi libri che ho letto con molto piacere.

Per ora vi saluto tutti e vi do la buona notte