Crea sito

Posts Tagged ‘fankulo’

Lodo Alfano

Ieri sera non ho ascoltato nessun telegiornale, ma prima di uscire di casa un messaggio di TimSpot mi ha messo al corrente della cosa più importante forse della giornata:
"La Consulta boccia il Lodo Alfano: è illegitimo. La Costituzione violata due volte: articoli 138 e 3".

Stamattina sto scrivendo questo post ancor prima di leggere eventuali notizie on-line sull’argomento.
Anche perchè potrei leggere cose che aggraverebbero la mia ulcera o potrebbero provocarmi un versamento di bile!

La nostra maggioranza politica, eletta democraticamente dai cittadini, non ha altrettanto senso democratico quando qualcuno le dice "No, questo non si fa" oppure "No, questo non è così, guarda che stai sbagliando". La nostra maggioranza si comporta come un bambino viziato che accetta solo dei sì.
Quello che purtroppo mi aspetto di leggere e di ascoltare dalle notizie di oggi, sono le solite immarcescibili scuse e giustificazioni da parte loro… posso anche provare a citarle:
1 – la Costituzione Italiana è obsoleta, la dobbiamo cambiare e riformare (leggi "farla a nostra misura e non a misura dei cittadini")
2 – la sentenza della Consulta è un atto politico per destabilizzare il governo Berlusconi e la maggioranza
3 – tutti i giudici, quindi compresi quelli della Consulta, sono dei comunisti che approvano e portano avanti un disegno di complotto comunista contro Silvio Berlusconi

Se le ho azzeccate tutte vi giuro che non sono veggente… è il risultato di quello che ho detto prima: chiunque si metta contro Berlusconi e la sua maggioranza è giudicato comunista!
Sinceramente questa affermazione è di una banalità senza fine e rivela la pochezza del cervello di chi ci governa.

Eppure ci sarebbe veramente di che meravigliarsi dalle contraddizioni che quest’uomo riesce a creare: ormai i comunisti sono estinti, nemmeno più in Russia li possiamo trovare, nemmeno l’America li usa più come "cattivoni" al cinema, eppure il nostro Silvio usa termini che sarebbero stati appropriati in piena epoca maccartista negli USA. Il nostro Silvio vorrebbe purgare l’Italia dai comunisti.

Son cose veramente tristi da vedere e da sentire; il tono della politica in Italia sta toccando livelli ignobili, nessuno che abbia veramente a cuore l’andamento ed il miglioramento del nostro paese.
Eppure lui sta lì… il brutto è che continuerà a starci se la sinistra non tira fuori i coglioni e modifica il tono della dialettica portandola al livello comune, che non vuol dire impoverirla, ma solo farla comprendere meglio a tutti i livelli sociali. Perchè alla massaia media e al pensionato e a tutti coloro che per via della cassa integrazione si trovano a dover far i conti con i problemi comuni di tutti i giorni e di arrivare a fine mese… a loro NON GLIENE FREGA UN CAZZO DEI BEI PAROLONI!!! Loro (e anche io) vorrebbero sentirsi dire senza mezzi termini che cosa il nostro governo pensa di fare per risolvere l’imperante crisi economico-sociale che ci sta lentamente mettendo in ginocchio!!!

UOLTER!

UOLTER SVEGLIATI!!!
UOLTER… E’ ORA DI PASSARE DALLE PAROLE AI FATTI!!!

Poi non chiederti perchè Bersani si candida al tuo posto, perchè se non l’hai capito te lo dico io: sei un fanfarone inebriato dalle tue belle parole di uguaglianza, diritti, solidarietà, etc. etc., hai voluto creare un governo ombra che non serve a nulla e nell’ombra siete rimasti; inoltre, per dirla in ferrarese: conti come il due di bastoni quando c’è coppe come briscola… quindi un cazzo!

E’ ora di passare dalle parole ai fatti, è ora di far vedere se hai le palle per fare qualcosa, è ora di smetterla di appoggiarti un pò di qua e un pò di là, è ora che fai tue alcune idee e proposte di Di Pietro che, nonostante il linguaggio colorito e scoordinato, almeno dei progetti sensati ce li ha!
Cerca di precorrere i tempi, non di fare dichiarazioni a posteriori… che dopo sono bravi tutti a parlare e a dire la cosa giusta che gli altri vorrebbero sentire.

E’ ora che prendi una posizione, ma soprattutto… è ORA CHE TI INCAZZI.

Prova, almeno una volta nella vita, ad arrabbiarti sul serio, metti in fila tutte le accuse che hai contro il malgoverno e poi sputale fuori.
Se non sei capace di incazzarti, no problem, te lo dico io come si fa: comincia a vivere una vita da persona SENZA privilegi, mettiti in tasca 1200 € al mese e pagaci il cibo, le bollette e anche il mutuo, ti assicuro che ti troverai in un’altra dimensione. Prova andare a lavorare con i mezzi pubblici o con la TUA di auto non con l’autista… uuuhhh se ti incazzi allora  ;-D! Vedrai vedrai… provare per credere (slogan imbattibile).
Ah, magari prova a fare pure il precario di questi giorni……………………………

E non uscirtene un’altra volta con la storia della QUESTIONE MORALE… per cortesia, non insultare i tuoi elettori, lo sapevi già che avevi delle mele marce nel tuo cesto e ce le hai messe solo perchè ti facevano comodo.

UOLTER DAT NA’ MOSA!!!
che la prox volta mi tocca voltare Gianfrà……….

GIURIN GIURELLO…

Si fa presto a giurare una cosa:

e poi, quando più fa comodo, dire che il testo su cui, a cui, per cui, di cui si è giurata fedeltà, sia un libercolo modificabile a piacimento (magari in fretta e furia così i più non riescono a capire le cazzate legiferate) perchè è in odore di "filo-comunismo"!!

Nonostante da anni ormai si sia frantumata l’URSS, Berlusconi è l’unico che insiste a preoccuparsi di un pericolo rosso-comunista! Neanche più gli americani ci perdono tempo… ma lui niente, continua ad ostinarsi.

Sai cosa ti ci vorrebbe caro mio Silvio? Guarda, solo per aver pensato di modificare ANCHE la Costituzione Italiana (non Costituzione Berlusconiana) a tuo piacimento, ti meriteresti solo massicce dosi di olio di ricino e manganellate!

NON TI AZZARDARE A METTERE MANO ALLA COSTITUZIONE SAI???

NON TI AZZARDARE… CHE NON SAI NEMMENO DA CHE PARTE COMINCIARE A LEGGERLA!!

ps: Gianfranco? Ci sei? Gianfranco ti prego, dì qualcosa almeno tu, fallo stare zitto sto babbeo! Ti sta facendo fare una figura di merda.

SACCONI

Sacconi… sai che a dirla veramente tutta come deve essere detta… mi hai proprio rotto i coglioni!
Non sei Dio, non sei il Papa, sei un ministro di uno stato laico… LAICO capito?
E’ già stata emessa una sentenza… rassegnati, non rompere le balle, non sarà questo tuo accanimento su Luana a farti aprire le porte da San Pietro quando sarà ora, sarà ben altra umanità che dovrai dimostrare.
E smettila di fare il mafioso di turno, sì perchè TU, con queste tue intimidazioni alle strutture sanitare, sei molto peggio dei mafiosi che bussano di azienda in azienda a chiedere il pizzo, oltretutto lo fai pure dichiarandolo ai giornali e alle televisioni.
Che in Italia la giustizia sia già in fondo al baratro lo si vede da atti come i tuoi, perpetrati da funzionari dello Stato come te a danno dei cittadini.
LA LEGGE VA RISPETTATA, VEDI DI RISPETTARLA PURE TU!!!

LAVORINO

E’ scientificamente provato, riprovato e super-confutato che, in ambiente lavorativo, quando vi approcciano dicendo “Ci sarebbe un lavorino da fare…” vi hanno già inchiappettato con una rogna galattica da districare.
La beffa ulteriore è che di solito ci si casca sempre; soprattutto perché il richiedente si avvicina in un modo tra il serio ed il faceto, mezzo ridacchiando e mezzo no, quindi non si annusa subito odor di fregatura.
MA C’E’!! C’è sempre… abbiate fede e soprattutto credetemi sulla parola.
Di solito la proposta di lavorino implica queste caratteristiche:
1- lavoro molto molto brigoso, noioso e che nessun’altro prima di voi ha accettato.
2- lavoro anche (forse) interessante, ma ampiamente sottostimato dal richiedente per quanto attiene alle tempistiche di esecuzione, per cui un lavorino da 5 minuti diventa un impegno da almeno 1 giorno e mezzo.
3- lavoro di cui il richiedente ha una vaga idea di cosa effettivamente serva per portarlo a termine, quindi dovete interpellare almeno 10 persone diverse per venirne a capo perché il richiedente stesso non ne sa un accidente.

Non preoccupatevi… queste caratteristiche di solito sono intrinsecamente legate tra loro, non esiste lavorino che ne presenti solo 1 delle summenzionate.

Il risultato è che alla fine il lavorino glielo vorreste mettere dove non batte il sole al richiedente (che poi è anche il vs capo al 99,99%), perché vi siete fatti un discreto mazzo per portarlo a termine, scoprendo che magari non eravate nemmeno abilitati a fare determinate operazioni che invece erano date per scontate.
Insomma, tante belle cosine simpatiche di cui avreste fatto anche volentieri a meno, compreso qualche piccolo riacutizzarsi di gastrite, e che soprattutto vi hanno sottratto tempo per i lavori veramente seri.

Oggi è un giorno da lavorini, perché sì… a volte ne capitano anche più di uno nella stessa giornata (BINGOOOO!).
WHAT A LUCKY WOMAN!!!

La Nebbia

La nebbia agli irti colli
Piovigginando sale,
E sotto il maestrale
Urla e biancheggia il mar

"San Martino" di Giosuè Carducci

Oggi volevo fare un post sulla nebbia, per puro caso mi sono ricordata la strofa del Carducci, così ho anche il piacere di ricordare San Martino che ricorre proprio oggi 11 novembre.

La nebbia…
La nebbia in pianura padana C’E’, c’è sempre stata e sempre ci sarà, punto e basta. Chiunque viva in pianura padana deve farsene una ragione sia che guidi attivamente l’automobile, sia che faccia il semplice passeggero. Inoltre il passeggero deve limitarsi a non fare commenti impropri mentre viene scortato alla sua destinazione, perchè il guidatore è già irritato di suo a guidar con la nebbia, figuriamoci con uno/a di fianco che lo ammonisce a star attento.
La nebbia non mi fa paura, sono gli incapaci e gli sbadati al volante che sono pericolosi. E’ quella categoria di guidatori che esce in una mattina grigissima di nebbia ed accende solo le luci di posizione o non le accende affatto… tanto siamo di giorno e quel grigiore diffuso li trae forse in inganno, facendo loro pensare che gli altri debbano localizzarli e schivarli tramite GPS.
Sono gli stessi che fanno i 40 km/orari solo perchè la nebbia ce l’hanno fuori l’auto, ma soprattutto DENTRO l’auto: i vetri sono appannati, gli autisti sono imbacuccati con la nuvoletta di fiato che esce dalla bocca, la loro manina sfrega continuamente in cerchio la sezione di parabrezza davanti ai loro occhi… i più arditi tengono pure abbassato il finestrino (tanto per congelarsi meglio il cervello).
Signori………….. per chi non lo sapesse, in ogni auto che si rispetti c’è un cosa misteriosa chiamata plancia, con tanti bei bottoncini, ma soprattutto 3 fondamentali manopole a semicerchio:
1- quella con 1 strisciolina blu e 1 rossa per regolare la temperatura
2- quella con tanti bei disegnini che identificano le buchette d’uscita dell’aria
3- quella con una ventolina e i numeri da 1 al 4 serve ad attivare la ventilazione dell’abitacolo

Allora… se il vs concessionario non vi ha detto nulla o vi siete addormentati prima di arrivare a leggere le indicazioni apposite sul manuale d’uso e manutenzione della Vs. Bianchina… ora vi svelo il 10° segreto di Fatima: posizionate il primo selettore circa a metà della strisciolina rossa, posizionate il secondo selettore sulla figurina che sta in basso a dx (direzione parabrezza) e infine posizionate il terzo selettore almeno sul 2… et voilà, in breve tempo il vs parabrezza si rischiarerà magicamente… per il bottone del condizionatore rimando volentieri ad un’altra lezione più advanced.
Queste operazioni vi permetteranno di aumentare la vs velocità di almeno altri 30 km, evitando così di rompere i coglioni a chi vi sta dietro e vi deve seguire passo passo senza poter sorpassare!
Ah, dimenticavo… sfruttando di riflesso il tepore dell’aria sparata contro il vetro magari dopo un pò riuscite anche a togliervi berretto e pastrano che vi avvolgono come un sacco a pelo.

La nebbia non mi fa paura nemmeno di notte…
Nel buio grigiastro della notte c’è chi trae conforto dal viaggiare stando dietro ad un’automobile che gli spiana la strada, io invece preferisco di gran lunga essere a capofila! Perchè? Perchè di notte si incontrano SEMPRE quelli che ti accendono tutta quanta la luminaria natalizia con antinebbia e retronebbia compresi. I retronebbia non li sopporto, detesto questi 2 occhi rossi infuocati che ti sfidano, ti accecano e ti istigano alla violenza… capisco una macchina solitaria che viaggia nella pampa desolata della pianura, ma perchè tenerli accesi anche quando non sei da solo? Perchè vuoi rompere le scatole a chi ti sta dietro?? Perchè non capisci che i lampeggiamenti di abbaglianti che ti sfarfallo non sono per farti accostare ma per avvisarti di spegnere quei cazzo di fari?? E inoltre… perchè tieni i retronebbia accesi anche quando siamo tutti incolonnati in autostrada? Tutti a 50 metri l’uno dall’altro… dove vuoi che andiamo? Vuoi che non ti veda???
Mammamia… neanche con i punti del Dixan ha preso la patente certa gente!!!!!!!

La nebbia e San Martino sembrerebbero non aver nulla in comune, tranne per il fatto che questo periodo viene definito anche come l’estate di San Martino, ovvero un periodo in cui la temperatura è generalmente più mite rispetto alla normalità. L’escursione termica tra giorno e notte aiuta i folletti della nebbia a produrre i simpatici fenomeni nebbiosi che interessano vasta parte delle nostre zone.
San Martino si è convertito al cristianesimo nonostante le opposizioni dei genitori, ma la sua è stata una vita in parte militare. La leggenda vuole che con la spada abbia diviso a metà il suo mantello di lana per proteggere un mendicante dal freddo e dalle intemperie, così facendo il sole cominciò a riscaldare l’aria come in estate, da cui appunto "l’estate di San Martino".

Da ultimo non poteva mancare Gioele Dix in questo post:

PC NUOVO?

…paghi da bere come minimo! Invece no, queste buone tradizioni vengono dimenticate.
Oggi un Vassallo del NS Signore Imperatore è stato premiato, non si sa bene perchè, con un pc portatile nuovo di trinca… cosa se ne farà poi? non gli bastava il pc desktop che già usava? e soprattutto non mi vengano a raccontare che deve lavorare a casa perchè non ci credo! Questo vassallo è stato ripescato per i capelli dalla pensione, già aveva quasi un piede fuori dall’azienda che lo hanno riacchiappato per il gabanino e tirato dentro a forza!

Comunque, non appena il nuovo portatile è comparso sulla scrivania del Vassallo R., si sono magicamente materializzati tutti gli altri vassalli (P., S., M1 e M2) a fargli le loro congratulazioni, a dispensare consigli sui settaggi migliori, a commentare la tastiera wireless+trespolino (n.d.r.: sembra che da nuove disposizioni di sicurezza, il portatile debba essere fissato ad un apposito supporto regolabile in modo che lo schermo stia ad altezza consona per gli occhi e di conseguenza deve essere dotato di tastiera a parte per non stressare i polsi). Un vero andirivieni, un crocchio di pigolii festosi che ogni tanto si scioglieva in un minuetto da una parte all’altra della scrivania…
"Ma dove sarà l’usb2?" "E’ qui guarda, non ti puoi sbagliare!"
"E la porta ethernet?" "Ah no, quella è dall’altra parte con il connettore più grande"
Insomma un gruppo ben affiatato di 4 persone che al CED interno gli faceva un baffo!

Ho anche visto sbarluccicare invidia dagli occhi di almeno 2 vassalli, se tanto mi dà tanto credo che per fine anno, max inizio prossimo, TUTTI i vassalli saranno pc-portatilizzati… nonostante abbiano già dei pc desktop che vanno a scheggia e nonostante il loro lavoro si svolga sempre al desktop (nessuno di loro è commerciale e deve fare presentazioni in giro dai clienti).

La pioggia che scendeva impetuosa, la metereopatia che incombeva, un pò di pms, un pò di giramento di palle gratuito, insomma…oggi la giornata non è stata liscia.
Domani è un altro giorno, Au Revoir, sempre vostra serva della gleba! 

PRESSAPOCHISMO

Il titolo del post descrive in maniera appropriata queste 2 ultime settimane di lavoro.
Totalmente da ABSOLUTE BEGINNERS! Non si può sempre lavorare così, non riesco a sopportare che il mio responsabile affronti certe cose in maniera raffazzonata. Ma di che cosa parlano quando fanno le trattative tecniche-economiche con i fornitori insieme all’ufficio acquisti? Evidentemente 5 secondi dell’attrezzatura da acquistare e il resto del tempo dei cazzi loro!
Ritornano dall’incontro pavoneggiandosi per aver risparmiato 1500 €, senza accorgersi che così facendo hanno dato il via ad un domino di problemi, inkazzature, gastriti e mal di pancia…

Gli ingegneri hanno studiato più di te, più di un perito, loro sanno, sempre e assolutissimamente sanno, però cincischiano, tirano e mollano, danno una pacca al cerchio e una alla botte, stanno perennemente in equilibrio sulla diplomazia aziendale e non prendono mai un cazzo di decisione, ti sfiniscono a forza di discorsi e quasi quasi ti convincono che tu, in quanto tecnico, non ne capisci come loro.
OK, io non so, non so e non capisco il macro progetto (che di questo sempre riempiono i loro discorsi), però vedo che tu ingegnere se prendi in mano una chiave a brugola non sai neanche da che parte si gira, se accendi un’oscilloscopio per fare una misura ti incanti a guardare le forme d’onda, se sposti degli attrezzi poi non li rimetti più a posto (e se lavorassi in officina meccanica questa incuria ti costerebbe urla nelle orecchie da mattina a sera + meritati calci nel culo).

Allora se tu sai, caro il mio ingegnere, possibile che ancora una volta ti sei fatto infinocchiare risparmiando il valore di una caramella alla menta su una commessa da migliaia di euro???
Ora grazie a te dobbiamo correre ai ripari in 3 persone, mollare altri lavori per seguirti e alla fine farti pure fare bella figura… facciamo gli “spazzini delle tue cazzate”!!!
Caro ingegnere grazie alla mancanza assoluta del tuo senso pratico mi sembra di lavorare al Circo Barnum, solo che vorrei essere il leone, vorrei divorarti in un sol boccone facendo così un favore all’umanità e, nel caso mi uccidessero, almeno morirei a pancia piena!

IL KONDOMINIO

Oggi in ufficio si skiatta dal caldo. In questo cavolo di open space sembra di essere in un qualsiasi condominio di provincia con il riscaldamento centralizzato: il riscaldamento si accende da Novembre e si spegne a fine Aprile, il condizionatore si accende a Giugno e si spegne a fine Settembre!!
E ne momenti intermedi? Ah… mò sò cazzi!

ps: se trovo l’mp3 del musicista folk ferrarese Alfio Finetti "Al condominio", prometto che l’allego al post!

ps2: è stato difficile, ma chi cerca trova

Le Teorie

Il ritorno dalle ferie è sempre duro, però quando ti fanno veramente girare i coglioni al 3° giorno direi che è proprio durissima!
Il mio capo questa mattina ha detto poche cose, ma quelle poche + il tono con cui le ha dette hanno contribuito ad un innalzamento repentino della mia pressione, gli ho lanciato occhiatacce, e quando ha continuato a perorare la sua causa, ho dato sfoggio dei miei migliori risultati di training autogeno limitandomi a dire che la riunione di reparto che lui contestava (‘azzo ben 2 ore con i suoi subalterni) era indispensabile per definire il budget acquisti del prossimo anno.
Dopodichè, anche se so che esistono cose ben ben ben peggiori al mondo, non sono proprio riuscita a smorzare il mal di testa, ma dovendo scegliere tra quello e l’istinto omicida…

Insomma in meno di 5 minuti stamattina il mio capo ha sbriciolato le mie teorie, i capisaldi a cui faccio riferimento dopo anni e anni di esperienza maturata e intenso lavoro su me stessa per smussare il mio carattere impulsivo ed incazzereccio.

TEORIA DELLA PENTOLA A PRESSIONE
Immagino me stessa come una pentola a pressione. L’interno viene man mano riempito di cazzate, minchiate e altre cavolate che interferiscono col mio lavoro e dovrebbero farmi saltare i nervi, ma che invece io faccio scivolare all’interno, somatizzo come direbbe qualcuno. La pentola ha una capienza e prima che si raggiunga il livello MAX (ALERT – DEFCON 3) bisogna farla sfiatare! Quindi meglio una piccola sfuriatina, con toni leggermente piccati e un tono di voce non troppo alto, piuttosto che un ruggito da belva a seguito dell’esplosione della pentola.

Questa teoria però è influenzata dalla variabile:
QUANTITA’ MAX DELLE CAZZATE SOPPORTABILI GIORNALMENTE.
E’ una variabile soggettiva, quindi il massimo dell’incognito, ognuno di noi ha la sua quantità che a sua volta dipende da tanti fattori, solo per citarne alcuni: buonumore, metereopatia, vicinanza al pms (pre-menstrual syndrome), etc.
Ecco, per quel che mi riguarda se le cazzate sono di lieve entità, ergo non influiscono nè direttamente nè pesantemente sul mio lavoro, ma sono fisiologiche ed imputabili allo status quo aziendale, la capienza è divenuta negli anni abbastanza buona. In caso contrario, se impattano direttamente sul mio modo di lavorare, o ancor peggio mi dimostrano che ho perso tempo a fare un certo lavoro… ecco, allora anche una al giorno è già di troppo!

L’altro pilastro è la TEORIA DEL POZZO, assimilabile al "legare l’asino dove vuole il padrone", ma più completa e, nel caso si avverasse, forse di maggiore soddisfazione. Premettendo che la mia carriera ha già raggiunto il top del top (della serie se non cambia nulla nessuno mai mi darà il livello 5S), ho pensato: perchè mai non dovrei dire quello che penso con le dovute maniere? che cosa dovrei mai temere di perdere?
Quindi la teoria del pozzo si spiega come segue: il capo da degli ordini, che spesso sono insensati, basati su visioni distorte, quindi io gli dico "guarda che se facciamo così sbagliamo (quindi andiamo dritto nel pozzo), potremmo fare colà" (spesso detto anche con veemenza o incazzo). A volte il capo fa suoi i miei suggerimenti gratuiti, specie quando in seguito si rivelano azzeccati, altre volte invece dice: "No, no, andiamo di là che andiamo bene", quindi ci tocca seguirlo nel pozzo. Per ora non è mai successo nulla di grave, ma la mia carta jolly è che se una di queste volte finissimo veramente in un pozzo di merda e, quando una volta dentro, il capo osasse girarsi per dire "Ah cacchio! Me lo potevi dire che finivamo così"… ecco, venisse quel momento, io mi sentirei autorizzata ad affogarlo nella merda del pozzo.
Ben magra soddisfazione lo so, però preferisco patti chiari e amicizia lunga, preferisco, se posso, dire la mia, poi possono rispondermi che le cose che sostengo non sono corrette perchè "non ho il quadro generale, non vedo il macro-progetto", ma a volte i capi si fanno dei viaggi interspaziali che neanche l’Enterprise del Capitano Kirk oserebbe!