Crea sito

Posts Tagged ‘politica’

BLA BLA BLA

<<Noi ce l’abbiamo duroooo>>

<<Roma ladrona>>

<<Scenderemo fino al Po con i forconi>>

Qualcuno di voi riconosce tutti questi BLA BLA BLA? Queste folcloristiche frasi che ormai da 15 (sic!) forse 20 anni ci risuonano nelle orecchie insieme a pernacchie varie, gesti di bonton come diti medi alzati per aria a ogni piè sospinto, sfanculeggianti mimiche della serie “mio nonno portava l’ombrello appeso proprio nell’incavo del gomito” (grazie Borghezio, grazie).

E tutto quel verde poi? fazzoletti, foulard, camicie, cravatte, cappelli, bandiere, simboli perfino su scuole, ecchesarammai? Una branca estremista radicale del WWF-LIPU-ENPA? Saranno mica i famosi/famigerati VERDI???

Macchè! Sono i leghisti FORA D’IL BAL, sono quei chiaccheroni sconsiderati norditalici che si ostinano a trovare origini storiche ad un’area da loro denominata Padania (che per alcuni arriva fino all’Umbria!… ??? mah) e che in tutti questi anni ci hanno TRITURATO i maroni (non solo il ministro Maroni) con le loro asserzioni di integrità morale, con tutta la pantomima di “Roma ladrona noi non ci mischieremo a loro, anzi portiamo i ministeri al nord”……..e intanto però gli euro-stipendi te li da la Roma ladrona.

Infatti si erano così tanto abituati bene a Roma Ladrona che, guarda guarda guarda un pò, si sono messi a rubare pure loro! Figli ignoranti posizionati dove serve, altri ignoranti messi a capo di posizioni che contano (eh Rosy?), soldi buttati nei ministeri aperti al nord, etc etc

Hanno fatto nè più nè meno di tutti gli altri (dico TUTTI, quindi non sfracellatemi le palle con la storia che “anche nel PD”… HO DETTO TUTTI!!!), per cui nella mia modesta opinione, TUTTI questi ladroni devono sparire! Altro che assemblee con le scope, altro che chiedere scusa con le lacrime di coccodrillo, altro che giurare e spergiurare che non lo faremo più e largo ai giovani… A CASA TUTTI dovete andare!

A casa senza stipendio, senza cassa integrazione, senza contributo di disoccupazione, senza un cazzo di un cazzo di un cazzo!

Svergognati! Disonesti! Dovreste andare a spalare merda per il resto della vostra vita o andare in miniera nel buco del culo del mondo aspettando di compiere i vs 40 anni di lavoro e che vi arrivi (se ne rimane) la pensione minima della minima di un pensionato che sta in un ricovero con l’IMU da pagare che fa spavento.

Non vi sopporto più, mi fate schifo tutti, avete rovinato l’Italia con il vostro andazzo, tutti busoni col culo degli altri, tutti santi a fare i distinguo “ah mah però”, “ah ma io no”, “ah ma noi siamo, noi facciamo, noi siamo i più onesti”… ma va con la tua cazzo di ampolla alle sorgenti del Po e annegati con tutti i tuoi seguaci.

Eravate un movimento interessante, un movimento del popolo, con idee controverse ma su cui si poteva discutere per arrivare a qualcosa di buono per tutti, poi vi siete attaccati alla poltrona come tutti gli altri sui quali sputavate e ora dovrebbero tirare le monete anche a voi come fecero con Craxi!

ESSERE METALMECCANICI

Essere METALMECCANICI oggi, in Italia soprattutto, è l'ultima presa per il culo del mondo del lavoro!
Sento sulla mia pellle il pathos di chi domani a Mirafiori dovrà votare, so che stanotte pochi di loro dormiranno, arrabbiati, delusi, feriti, amareggiati, ma soprattutto combattuti tra questo SI / NO.

Se vince il SI, perdono tutti i metalmeccanici d'Italia, tutti i lavoratori in generale, poichè scelta una via è giocoforza che altre categorie lavorative, in nome della crisi, dei mercati e della fottuta globalizzazione, verranno penalizzate pesantemente.
Sindacati dipendenti dell'azienda, basta con le RSU ma ritorno alle RSA, aumento dei turni di lavoro, aumento dei cicli di lavoro, aumento non discrezionale delle ore di straordinario (si parte con 120 ma potrebbero essere 200) e ovviamente da fare durante i giorni di riposo/recupero.
Nessun aumento di stipendio! Nessun aumento di premo produttività (tanto invocata ma poi se la deve godere solo Sergio)! Nessuna malattia… se ti ammali prima di un festivo sono cazzi amari, piuttosto vai a lavorare e stramazza per terra con la febbre a 40, forse chiameranno l'ambulanza, o forse no, magari aspetteranno la fine del turno per non disturbare la produzione.

Se vince il NO, è probabile che Marchionne molli baracca e burattini lasciando tutti a bocca asciutta, ma è probabile, non certo, perchè in brache di tela si ritroverebbero (eventualmente) non solo i lavoratori dello stabilimento, ma migliaia di altre aziendine legate all'indotto di Mirafiori. 
Programmi televisivi a gogo con i soliti spot anticomunisti da parte di Silvio, discorsi beceri di Lega e PdL, discorsi inconsistenti da parte di persone che NON sono metalmeccanici che lavorano in linea ma che vorrei tanto lo fossero!
Guizzo d'orgoglio dei lavoratori, ma lo stesso paura di trovarsi una bella lettera di nuova CIG, magari straordinaria dello straordinario, magari che poi finisce in mobilità e licenziamento.

Comunque vada, molto probabilmente sarà un casino, allora dovrebbe intervenire a gamba tesa il solito STATO, solo che stavolta dovrebbe pretendere un piano aziendale di sviluppo che si rispetti e che rispetti i lavoratori, dovrebbe pretendere di sapere se ci sono o se sono fuffa questi miliardi di investimento (ma intanto le azioni FIAT salgono e così c'è sempre qualcuno che specula sui lavoratori); dovrebbe pretendere il rispetto ESSO stesso (Lo Stato, e quindi noi tutti anche i non metalmeccanici), perchè per anni ha messo le stampelle alla FIAT per non affossarla, per anni ha fatto tira-e-molla con gli Agnelli…..

Ma si sa, una generazione crea, la seconda porta avanti e la terza distrugge.

Comunque, se avete voglia di leggere brevemente questo meraviglioso accordo di merda firmato da tutti i sindacati di merda TRANNE che dal sindacato che rappresenta secolarmente i metalmeccanici, eccovelo qui con tanto di firme annesse.

10_12_23-mirafiori

Mission Impossible

Tenere aggiornato questo blog sta diventando sempre più la mia Mission Impossible!
Non è proprio nelle mie corde la costante applicazione alla scrittura, la mia azienda ha bannato Splinder, lo ha inserito tra i nominativi proibiti e quindi non posso nemmeno usufruire dell'ora di pausa per aggiornarvi sulle boutades quotidiane dal mondo metalmeccanico… peccato, ultimamente ci sono delle perle favolose!

Comunque ce la posso fare! Sono sommersa da link di notizie di cui vorrei parlare, anzi scrivere, ma poi le notizie si rincorrono e si superano, si moltiplicano, diventa difficile star loro dietro, Silvio una ne fa e mille ne pensa (o viceversa) e i commenti si sprecano.

L'ultima che mi viene in mente e che mi ha fatto ingastrire è la "chiusura della Camera"… come se la Camera fosse un negozio, hanno tirato giù le serrande di punto in bianco, tutti a casa a cazzeggiare come se non avessero nulla da fare……. i poveri tapini!!! Poi riaprono in pompa magna il giorno mitico della fiducia, si sono presi una settimana sabbatica…… MA VAFFANCULO!!!  A spalettare letame da mattina a sera li metterei altrochè storie, sono ridicoli, sono dei buffoni, sono dei mangiasoldi a tradimento, non hanno fatto un accidente di utile in tutto il 2010 e ora si permettono una chiusura anticipata??? GRRRRRRRR  per ogni giorno di chiusura li multerei di un milione di euro ciascuno, chiunque si assenta paga, i malati si presentino in ambulanza.

Ma scherziamo??? Ci sono alluvionati, terremotati, "pattumati", studenti, operai che aspettano risposte, ma soprattutto vogliono azione, vedere risultati, questo non è il governo del fare, ma il governo del PARLARE DEL FARE!

MIRABELLO

Abito a 15 km da Mirabello, paese anonimo (come tanti altri) sperso nella provincia ferrarese che si snoda e si sviluppa ai bordi di un rettilineo. Per una provincia a maggioranza di votanti PD, Mirabello è il PUNTO NERO dell'Emilia Romagna, l'enclave più conosciuta del vecchio partito MSI, poi di Alleanza Nazionale, oggi di Generazione Italia.

Dico la verità… oggi avrei voluto esserci anche io là ad ascoltare Gianfranco, ma ringrazio LA7 che ha trasmesso il suo discorso praticamente in diretta, così non mi sono spostata dal divano e da lì l'ho applaudito.
Non si può non essere d'accordo con almeno il 90% delle sue parole e non si può negare che Gianfranco si sia tolto un bel pò di sassolini dalle scarpe (echeccazzo… l'avessi fatto prima Gianfrà!!!).
Non sono stupida, ho notato che a volte è stata data una botta al cerchio e una alla botte, Gianfranco sa come si deve parlare, non fa politica da ieri, è ben scafato e quando parla sceglie le parole.
Ammetto che quasi quasi mi era venuta voglia di fare la tessera di Generazione Italia… ma starò a vedere gli sviluppi, aspetto di veder concretizzate le sue parole, c'è tempo per votarlo.

Per una come me che quando avevo meno di 10 anni vedevo recapitarmi a casa L'Unità, essere d'accordo con il 90% delle parole di Fini vuol proprio dire che a sinistra c'è il vuoto pneumatico, il baratro, il nulla! E come potrebbe non esserlo visto che gli attuali dirigenti di partito distruggono i volti nuovi, parlano e straparlano di voler procedere con assemblee, consulte programmatiche, consenso di larga maggioranza, rispolverano addirittura il vecchio ULIVO di prodiana memoria per la rinascita di un nuovo Ulivo… 

MA PER PIACEREEEEEEEEE!!!! MA NON DICIAMO CAZZATEEEEE!!!

Veltroni che torna a parlare, sempre delle solite cose, dopo mesi e mesi di silenzio; D'Alema che tanto ha tramato per diventare presidente di non so più che cosa eclissandosi dalle scene e facendo ritorno solo per ostacolare Vendola! 
Il PD deve fare la sua parte, deve smetterla di stare sopra le righe, deve smetterla di far finta di sapere cosa vogliono gli italiani andando a casa loro porta a porta, soprattutto deve smetterla di aver paura di discorsi relativi al bene della nazione, ai valori della famiglia e della Patria! Sì sì sì, questo è il fatto, perchè le parole "famiglia + nazione + patria" in bocca a Fini, che è stato il delfino di Almirante, che a sua volta era di fatto un vecchio camerata fascista, queste parole di fatto fanno tremare tutti quelli del PD, fanno tornare a galla paure e rancori, fanno mettere i remi in barca, fanno arretrare un partito intero… basta ancora uno spauracchio per far rispolverare a ogni piè sospinto l'antifascismo!

Io non ho nulla contro l'antifascismo, mio nonno è stato in un campo di concentramento, figuriamoci!
Quello che mi rompe i coglioni sono gli attuali politici di sinistra che si nascondono dietro l'antifascismo per NON ASCOLTARE i cambiamenti in atto da parte di un certo tipo di destra. Di fatto ignorando questi mutamenti riescono ad essere più statici del vecchio PCI di stampo staliniano!
Dovete riascoltare il discorso di Fini, dovete filtrare quello che serve e dovete adoperarlo per coltivare insieme il bene comune, dovete farlo! Avete l'obbligo morale di farlo, dovete fare qualsiasi cosa per aiutare i vostri elettori perchè di fronte alla crisi economica, alla disoccupazione, alla criminalità, agli attentati alla Costituzione Italiana e a tutto quello che va nell'esatto opposto del bene comune dei cittadini, voi immobili larve del PD dovete rendere giustizia all'Italia con qualsiasi mezzo e qualsiasi alleanza.
Fini ha invocato discussioni in Parlamento su temi che sono di primaria importanza e non dovete sottrarvi.
Se lo farete verrete sepolti nel dimenticatoio, alle prossime elezioni le vostre percentuali saranno più che dimezzate, fintanto che gli ultimi vecchi militanti ex-pci non saranno sepolti e voi scomparirete.
Svegliatevi o verrete travolti, DAI BERSANI… DAT NA' MOSSA!!!

Un sentito grazie a Gianfranco, al quale hanno scritto un bel discorso che ha animato di molto gli animi e che quasi è riuscito a svegliare coscienze, da domani sarai ancor più triturato dai giornali del nano imperialista e dai tuoi ex-caporali; l'unica cosa che non ti perdono è quella di non esserti ribellato prima… sapevi che eri finito in un covo di serpi e ci sei rimasto lo stesso, sei uscito solo quando l'odore di merda era indicibile, per questa ragione anche tu hai le tue colpe in questo sfacelo italiano e questa NON TE LA PERDONO!!!

SERGIO

Credo che l’espressione “è facile fare il busone col culo degli altri” sintetizzi perfettamente l’ottica di pensiero di Sergio Marchionne.
Saremmo capaci tutti di fare i nostri interessi imprenditoriali tirando il collo a lavoratori, sindacati, ciucciando a più non posso da aiuti / finanziamenti statali, fare un possente rutto alla fine di questo lauto pasto e poi dire “vabbè tanto ho già deciso che vado a produrre in Serbia”.
 
Con il caso Pomigliano la FIOM ha sostenuto un durissimo UNO CONTRO TUTTI, ma proprio tutti, partendo dalla propria sezione di partito, di sindacato, dai propri lavoratori, il governo, il datore di lavoro e finendo anche con parte dell’opinione pubblica… Uno scontro distruttivo dove Confindustria li ha definiti sabotatori e la FIAT li ha puniti con ritorsioni vendicative eseguite tramite licenziamenti. Qualcuno infatti dirà e sosterrà che proprio a causa dei sabotatori che Sergio se “n’è avuto a male” e fa l’inkazzoso ingastrito.
 
Il nostro Sergio manda la sua letterina a tutti lavoratori predicando le solite favole aziendali, i soliti panegirici del “volemose bene perché io ne voglio a voi e ci tengo a voi e alle vostre famiglie, cresciamo insieme in uno sforzo comune”, poi ZAC! Ecco pronta l’inculata, ritorsione contro MIRAFIORI, non basta POMIGLIANO, non basta TERMINI IMERESE, ora torniamo anche a rompere i coglioni ai lavoratori di Mirafiori.
 
Sergio è perfettamente in linea con il comportamento degli imprenditori internazionali che si permettono di fare e di disfare a loro piacimento, che svendono pezzi storici di paese perché tanto chissenefrega il mercato è cambiato e dobbiamo adeguarci o rimarremo indietro, che predicano di standard di qualità fino alla nausea, ma che nemmeno sanno dove stiano di casa visto che tutti ormai hanno aperto distributori commerciali/produttivi in Cina!
 
Sapete che vi dico???  E MO’ BASTA!!!
Basta con il refrain della competitività, dell’adeguamento al mercato, basta con le modifiche unilaterali a comportamente e a patti ormai assodati.
Perché prendersela con Mirafiori se a Pomigliano hanno deciso in una certa maniera, tra l’altro sul filo di un’illegittimità contrattuale e costituzionale che basta un soffio per cadere nel baratro, il tutto con la complicità e compiacenza dei sindacati ANCHE di sinistra e anche degli pseudo-governanti di sinistra… vergognatevi!!! Lavativi e rincoglioniti, vent’anni fa non vi sareste nemmeno sognati di firmare e di suggerire la firma di un tal contratto!

Il Governo ora si indigna, Chiamparino e Cota vogliono spiegazioni e consultazioni, Silvio invece dice semplicemente che "siccome Sergio è un imprenditore può fare il cazzo che vuole come e quando gli pare" e gli da pure il suo beneplacito… la sinistra… mah dove cazzo sta???

CONCLUDENDO… BASTA FARE IL BUSONE COL CULO DEGLI ALTRI!!!

SOLIDARIETA'

Tratto da Wikipedia:
"Solidarietà: è un sostantivo che deriva dalla parola francese solidaire ed ha come suo significato principale quello etico-sociologico.
Sta correntemente – ma impropriamente – ad indicare un atteggiamento di benevolenza e comprensione, ma soprattutto di sforzo attivo e gratuito, atto a venire incontro alle esigenze e ai disagi di qualcuno che ha bisogno di un aiuto".

Tratto da un dizionario on-line di italiano:
"Solidarietà: l'essere solidale con altri; piena concordanza di pensiero e di azione su un fatto determinato".

*************

I precedenti paragrafi mi confermano ancora una volta che il mondo sta andando alla rovescia e che noi lo stiamo lasciando andare per la sua strada facendoci trascinare con lui: normalmente sarebbe a dir poco intollerabile che un qualsiasi ministro o alta carica dello Stato dimostrasse o dichiarasse la sua "solidarietà" a persone non solo indagate, ma addirittura incriminate!
Al giorno d'oggi invece tale sfoggio di inappropriata solidarietà è orma d'uso comune, non passa giorno che qualche ministro esterni con vero e proprio pathos la sua vicinanza spirituale a dei delinquenti.

Non ci siamo ragazzi! Proprio non ci siamo!

IL MICROFONO NO…

…NON L’AVEVO CONSIDERATOOOO…

Caro Gianfranco, per quel che può valere, hai tutta la mia gratitudine!
E’ il tuo sfogo evidenza il malessere e l’ipocrisia che si vive lavorando a fianco di una persona spregevole come Silvio Berlusconi. E tu non ce l’hai fatta più, ti sei lasciato andare un attimo e hai detto quello che pensi veramente.
Ti ringrazio perchè, anche se non ce n’era bisogno, hai ulteriormente mostrato che la misura non è solo colma, sta proprio straboccando.

Non azzardarti a lasciare la tua posizione di Presidente della Camera!!! Qualcuno DEVE rimanere ad arginare le stronzate di Silvio; lascia che la sua corte di lecchini ti attacchi, lascia che tutti dicano le loro cavolate, lascia che si scannino per tirarti giù dalla sedia dove loro vorrebbero stare.
Rimani lì, tieniti forte e come dice Scajola "sii coerente", ma non alla merda che loro vorrebbero farti dire o farti fare, sii coerente alla tua onestà di persona e di politico; la merda puzza sempre anche se i lecchini spergiurano che è buonissima!

In questi anni ormai dove tutti i lecchini urlano al complotto e alla cospirazione contro il grande Silvio… forse potrebbe rimanerti un dubbio solo: "come mai quel cazzo di microfono era aperto???"

Ti lascio con le parole di un grande Presidente della Repubblica, una persona di grande equilibrio e spessore, le cui parole dovrebbero suscitare grandissima riflessione in tutti noi cittadini:

TRIBUNA POLITICA

Ricordo che gli anni ’70 e forse anche parte dei primi anni ’80 esistevano trasmissioni come Tribuna Politica (che si trasformava poi in Tribuna Elettorale) dove i politici venivano strettamente moderati da un giornalista RAI e cronometrati esponevano le loro ragioni e i loro programmi politici.
Oggi esistono programmi che dovrebbero essere più "avanzati", ma purtroppo l’attuale atteggiamento dei politici italiani, la loro maleducazione, il loro continuo "parlarsi sopra", rendono questi programmi indigesti, astiosi.
Qualunque esponente del PDL è semplicemente proteso a difendere a spada tratta Silvio, qualora Silvio stesso (come stasera) non intervenga già da sè nelle trasmissioni con telefonate dell’ultimo minuto.

Non voglio farne un discorso politico, ma semplicemente di educazione, i nostri politici dovrebbero tutti sciacquarsi la bocca con il sapone e al nostro Silvio magari è meglio se razione doppia con sapone di marsiglia (chi la pensa diversamente può godersi la replica di Ballarò di stasera!).

SIAMO TUTTI COMUNISTI!!

Ulteriori e più pesanti accuse su complotti comunisti da parte del nostro Silvio.
Andrà a finire che siamo tutti un pò comunisti dentro, almeno se non la pensiamo come lui.

Lo so che il video che allego è ormai uno dei più visti e forse anche scaricati, ma lo metto lo stesso; lo faccio perchè vorrei che ascoltaste bene quello che dice, le accuse NON tanto velate che Silvio rivolge al nostro Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, le accuse alla magistratura e alla Consulta, le offese ai partecipanti alla trasmissione Porta a Porta, il tono schiumante di rabbia e via via nel suo delirio…

Le parole del Presidente del Consiglio, oltre ad infamare il comune rispetto e buonsenso, offendono i cittadini italiani. Io mi sento profondamente offesa da una persona di questo genere, se ne avessi il potere la fare dimettere dal suo ruolo istituzionale, NON perchè non l’ho votato e non la penso come lui, ma perchè sta dimostrando di non avere rispetto per niente e nessuno.
Una persona del genere NON deve stare in Parlamento, non deve neanche avvicinarsi al Parlamento, non merita di avere la fiducia dei cittadini, anche gli italiani che lo hanno votato dovrebbero riconoscere in queste parole non solo uno "scatto di nervosismo" (come si potrebbe dire in parole povere), ma un rabbioso intervento di un omuncolo che ha fatto di tutto, letteralmente di tutto, per arrivare al suo scopo (l’approvazione del Lodo Alfano) e poi se lo è visto sfuggire dalle mani. Come non essere rabbiosi di fronte al fatto che sono andati in fumo mesi e mesi di trame, di incontri privati, di riscritture del Lodo (chissà che pastrocchio alla fine!) e ora si trova ad essere un cittadino come noi che quando sbaglia paga!

Ascoltate bene e se non vi basta riascoltate, sentite le "minacce" verso il Presidente, in un qualsiasi altro paese un atto del genere verrebbe punito con gravità inaudita… invece quest’uomo ogni giorno inonda di merda ogni telegiornale d’Italia.
CHISSA’ QUANDO RIUSCIREMO A FARLO STARE UN PO’ ZITTO… 
 

 

Lodo Alfano

Ieri sera non ho ascoltato nessun telegiornale, ma prima di uscire di casa un messaggio di TimSpot mi ha messo al corrente della cosa più importante forse della giornata:
"La Consulta boccia il Lodo Alfano: è illegitimo. La Costituzione violata due volte: articoli 138 e 3".

Stamattina sto scrivendo questo post ancor prima di leggere eventuali notizie on-line sull’argomento.
Anche perchè potrei leggere cose che aggraverebbero la mia ulcera o potrebbero provocarmi un versamento di bile!

La nostra maggioranza politica, eletta democraticamente dai cittadini, non ha altrettanto senso democratico quando qualcuno le dice "No, questo non si fa" oppure "No, questo non è così, guarda che stai sbagliando". La nostra maggioranza si comporta come un bambino viziato che accetta solo dei sì.
Quello che purtroppo mi aspetto di leggere e di ascoltare dalle notizie di oggi, sono le solite immarcescibili scuse e giustificazioni da parte loro… posso anche provare a citarle:
1 – la Costituzione Italiana è obsoleta, la dobbiamo cambiare e riformare (leggi "farla a nostra misura e non a misura dei cittadini")
2 – la sentenza della Consulta è un atto politico per destabilizzare il governo Berlusconi e la maggioranza
3 – tutti i giudici, quindi compresi quelli della Consulta, sono dei comunisti che approvano e portano avanti un disegno di complotto comunista contro Silvio Berlusconi

Se le ho azzeccate tutte vi giuro che non sono veggente… è il risultato di quello che ho detto prima: chiunque si metta contro Berlusconi e la sua maggioranza è giudicato comunista!
Sinceramente questa affermazione è di una banalità senza fine e rivela la pochezza del cervello di chi ci governa.

Eppure ci sarebbe veramente di che meravigliarsi dalle contraddizioni che quest’uomo riesce a creare: ormai i comunisti sono estinti, nemmeno più in Russia li possiamo trovare, nemmeno l’America li usa più come "cattivoni" al cinema, eppure il nostro Silvio usa termini che sarebbero stati appropriati in piena epoca maccartista negli USA. Il nostro Silvio vorrebbe purgare l’Italia dai comunisti.

Son cose veramente tristi da vedere e da sentire; il tono della politica in Italia sta toccando livelli ignobili, nessuno che abbia veramente a cuore l’andamento ed il miglioramento del nostro paese.
Eppure lui sta lì… il brutto è che continuerà a starci se la sinistra non tira fuori i coglioni e modifica il tono della dialettica portandola al livello comune, che non vuol dire impoverirla, ma solo farla comprendere meglio a tutti i livelli sociali. Perchè alla massaia media e al pensionato e a tutti coloro che per via della cassa integrazione si trovano a dover far i conti con i problemi comuni di tutti i giorni e di arrivare a fine mese… a loro NON GLIENE FREGA UN CAZZO DEI BEI PAROLONI!!! Loro (e anche io) vorrebbero sentirsi dire senza mezzi termini che cosa il nostro governo pensa di fare per risolvere l’imperante crisi economico-sociale che ci sta lentamente mettendo in ginocchio!!!